“Dipingendo Qua e Là” Concorso di Pittura Estemporanea Edizione 2018

Cari amici, l’elenco degli sponsor e dei relativi premi-acquisto sta prendendo forma!

Inoltre, segnaliamo ai pittori partecipanti che, come specificato nel nuovo regolamento, avrete la facoltà di esporre alcune vostre opere nella postazione “en plein air”, durante lo svolgimento del concorso.

Lo staff del concorso “Dipingendo Qua e Là” metterà a vostra disposizione alcune strutture in piazza, reti, catene e ganci, per allestire il vostro piccolo spazio espositivo all’aperto.

Non mancate e a presto per la lista premi completa!

 

Banner Sito 2018

 

 

DQL_2018 JUNIORES

Geremia Cerri in Mostra a IdeAttiva durante la Sagra dell’Anatra

Geremia Cerri esporrà a Massa Finalese dal 10 al 26 agosto, presso la sala IdeAttiva. L’inaugurazione della mostra avverrà in occasione dell’apertura della Sagra dell’Anatra, alla presenza delle autorità e dell’artista.

Vincitore del “Premio della Critica” del concorso di pittura estemporanea “Dipingendo qua e là…” 2017, l’opera di Cerri aveva colpito la giuria per la sua immediatezza e la grande tecnica esecutiva. Ma le qualità del lavoro dell’artista cremonese vanno ben oltre un mero discorso di tecnica e di ricerca formale, esse infatti sono ricche di poesia e di una spontanea rilettura del reale che si traduce in eloquenti, pulite, vibranti e armoniche macchie di colore. Sperimentando sulla linea dell’impressionismo ad acquerello contemporaneo, Cerri ha anche un ardire cromatico che lo porta a trovare soluzioni emotivamente coinvolgenti, aggiungendo, a volte, una personale nota di divertita ironia.

Il percorso espositivo presenterà uno spaccato sull’ultima produzione dell’artista, ormai maestro riconosciuto della tecnica acquerellista.

LOCANDINA DEFINITIVA GEREMIA CERRI

Emilio Carnevale espone a IdeAttiva durante il periodo natalizio 2017

 

 

IdeAttiva ospita la mostra Le Luci Negate del fotografo Emilio Carnevale, esposizione che ben si sposa al periodo natalizio per suggerire una riflessione in più.

La luce, lo scintillio delle decorazioni, le luminarie delle nostre città, non sono che un retaggio di un’ancestrale tradizione e di culti pagani che precedono il Cristianesimo. Le origini vanno cercate in ciò che è “principio” della vita sulla terra e che, dal principio, è stato oggetto di culto e di venerazione: il sole. Il sincretismo cristiano ha adottato il Dies Natali Solis Invicti come genetliaco di Gesù e anche la simbologia della luce, che ancora oggi celebriamo, deriva dal rituale di accendere fuochi per dar maggior energia al sole che, nei giorni del solstizio (solstitium=sole fermo), appare fermo nel cielo, per poi cambiare il suo moto nel senso della declinazione e, subito dopo, la luce del giorno comincia gradatamente ad aumentare.

Le luci accese nelle nostre case e nelle nostre città sono la continuazione di questi rituali e accompagnano il Natale cristiano, ma anche il Natale “pagano” del consumismo. Questo è il punto di partenza dell’indagine e della sperimentazione di Emilio Carnevale che, con l’arte della luce (la fotografia) ci restituisce le luci come negazione delle stesse, attraverso un’operazione di rielaborazione del negativo, che vive comunque della luce che lo impressiona.

Un interessante percorso che IdeAttiva ospita, accogliendo l’autore e il pubblico per l’inaugurazione di mercoledì 20 dicembre alle 20:45, e con altri momenti di approfondimento nel corso del periodo espositivo.

G.G.

LOCANDINA_1